Tu sei qui:
Home > News > Manifesto politico Movimento Progetto Arca

Manifesto politico Movimento Progetto Arca

L’idea è quella di superare ed andare oltre gli attuali partiti siano essi di sinistra di centro o di destra ed i movimenti populisti e nazionalisti fondando una comunità, ASS ARCA in grado di aggregare i rappresentanti del mondo dell’economia, della finanza, del sociale, della cultura, dell’artigianato nonché i professionisti, il terzo settore e dell’impegno civile.

Particolare sguardo deve essere rivolto al mondo della formazione e della ricerca scientifica e delle nuove tecnologie, sfruttando al massimo quanto la “Information and Communication Technology” (ICT) rende oggi disponibile.

Il manifesto del movimento politico ARCA discendente dall’associazione progetto arca, si articola in grandi temi principali quali argine alla deriva populista e nazionalista dell’attuale compagine governativa.

Corruzione

E’ un fenomeno trasversale a tutti gli ambienti nei quali si articola la vita della repubblica e dello Stato. Mina le fondamenta della buona economia e non solo, rappresenta un acceleratore di negatività per tutto il paese oltre che ad essere una barriera agli investimenti esteri.

E’ necessario mettere in campo azioni in grado di ridurre al minimo il livello di corruzione e la predisposizione ad adottare comportamenti corruttivi e concussivi attraverso il controllo dei processi che generano o potenzialmente possono generare il fenomeno.

Questo può essere raggiunto sfruttando le tecnologie ICT

Sicurezza

Lotta a microcriminalità

Sebbene le statistiche riportino un decremento dei crimini nella nazione, la percezione dei cittadini è differente. Questo è dovuto alla diffusione di microcriminalità (furti di auto, furti in appartamenti, scippi, borseggi, aggressioni a scopo di rapina, spaccio di droghe o sostanze psicotrope, criminalità minorile ecc). questo si persegue con una maggiore presenza e controllo del territorio da parte delle forze di polizia sia locali che nazionali  necessitano di una maggiore integrazione e riorganizzazione dell’intero comparti sicurezza per rendere disponibili maggiori risorse in termini di unità operative e la dismissione di sovrastrutture di comando e controllo. Maggiore responsabilità e compiti alle forze di polizia locali

Lotta a tutte le mafie

Lotta senza esitazioni a tutti i tipi di mafie ed organizzazioni mafiose in genere. Delegate a forze di polizia di livello nazionale maggiormente coordinate e gestite in maniera unitaria. Casomai sgravate del carico di lavoro alla lotta alla microcriminalità di competenza delle polizie territoriali.

Controllo dei flussi migratori

Accelerare la definizione di accordi bilaterali di riammissione e gestione dei migranti nei paesi di transito e origine secondo lo schema del “Migration Compact” proposto dall’Italia alla UE. Creare canali umanitari di ingresso regolari e selettivi nei paesi di origine tramite il circuito la rete delle ambasciate.

Competenza e merito

Privilegiare il merito e la competenza per assumere sia cariche politiche che posizioni apicali nell’ambito della P.A. o aziende e agenzie partecipate. Non solo titoli di studio ma anche esperienza specifica nell’ambito delle attività che si viene chiamati a dirigere o regolamentare con provvedimenti normativi.

Informatizzazione della PA

Perseguire con energia la informatizzazione dei processi della P.A., eliminando le duplicazioni e le aree di sovrapposizione. Ricorrendo a risorse interne ai ministeri, ampiamente disponibili, professionalmente eccellenti. Standardizzazione dei sistemi informativi nella PA, andando a sdoganare il concetto di “Leader di Area”, (se un ministero è leader o riconosciuto tale per un determinato sistema informativo es. firma digitale, lo dovrà essere per tutta la P.A.), ciò consentirà ad esempio di adottare in tutta la P.A. un unico sistema di gestione documentale dematerializzato o digitalizzato e firma digitale.

Ricerca scientifica

Dedicare alla ricerca scientifica e allo sviluppo di tecnologie innovative la stessa percentuale di PIL delle altre nazioni avanzate della UE.

Lascia un commento

Top